La Chimera Nuoto schiera centocinquanta atleti nel Propaganda

Centocinquanta giovani atleti rappresenteranno la Chimera Nuoto nel settore Propaganda. La società, attiva nelle due piscine di Arezzo e di Foiano, si avvia con rinnovato entusiasmo verso l'avvio dei campionati provinciali e regionali della nuova stagione, che vedranno scendere in vasca i suoi nuotatori del settore preagonistico. Il Propaganda rappresenta il passaggio intermedio tra la scuola nuoto e l'agonismo, proponendo un percorso di allenamenti più intenso e la partecipazione alle prime gare per quei bambini dai cinque anni in su che scelgono il nuoto come loro sport. Oltre ai piccoli aspiranti nuotatori, questo settore riunisce anche i ragazzi fino a diciassette anni che decidono di praticare questa disciplina ad un buon livello e di confrontarsi con i coetanei di altre società, continuando ad allenarsi senza però l'impegnativo lavoro di crescita quotidiana richiesto agli agonisti. «Il settore Propaganda - spiega Marco Magara, direttore sportivo della Chimera Nuoto, - è da sempre uno dei fiori all'occhiello della nostra attività, con un percorso sportivo che ci permette di ottenere ottimi risultati in provincia e in regione già con bambini di appena cinque anni che possono così vivere le emozioni delle prime gare». Il compito di seguire la crescita del Propaganda della Chimera Nuoto è stato affidato ad uno staff tecnico competente e collaudato che può fare affidamento su Angelo Solis Herrera, Stefania Roncolini, Alberto Bertuccini, Francesco Salvini e Nicola Romanelli. Le gare del Propaganda, al via da gennaio, prevedono una divisione in due fasce d'età con i più piccoli fino ad undici anni che parteciperanno ad un campionato provinciale, mentre coloro che sono nati dopo il 2005 saranno protagonisti della seconda edizione di un circuito regionale che, alla sua prima esperienza, ha riscosso partecipazione e apprezzamenti. Nel corso dell'anno, inoltre, la Chimera Nuoto lavorerà per creare un forte spirito di gruppo attraverso cene, gare interne ed altre iniziative che permettano di configurare il nuoto non come uno sport individuale ma come uno sport di squadra. «Il nostro obiettivo - aggiunge Magara, - è di portare nel Propaganda un modus operandi simile a quello che anima il settore agonistico, ovviamente con le doverose differenze dovute all'età e all'impegno richiesto ai nuotatori delle due categorie. In questa stagione, siamo saliti a centocinquanta atleti divisi tra Arezzo e Foiano, un movimento importante in cui cresceranno i talenti che in futuro contribuiranno ai successi della società».

Condividi su Google Plus
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento