Baldaccio Bruni vince ai rigori ed entra nella storia battendo ai rigori il Roselle nella finale della Coppa Italia

Storica impresa della Baldaccio Bruni Anghiari che nella finalissima disputata sul campo neutro “Buozzi 2 Strade” di Firenze ha sollevato al cielo la Coppa Italia di Eccellenza Toscana battendo 5-4 ai calci di rigore il Roselle al termine di una partita infinita e ricca di emozioni. La formazione anghiarese ha vinto il prestigioso trofeo con pieno merito disputando una prestazione di grande spessore sotto ogni punto di vista mandando al tappeto il quotato team grossetano (primatista nel Girone A di Eccellenza). I biancoverdi sono andati a segno con Terzi e Bindi, si sono visti raggiungere prima da Faenzi e poi da Consonni, ma hanno sempre controllato la sfida dimostrando di avere qualcosa in più dei rivali. E’ mancato il colpo del ko definitivo, ma nel gioco e nella compattezza di squadra Rosati e compagni hanno davvero destato un’ottima impressione. La Baldaccio ha meritato la vittoria per le occasioni costruite, per l’atteggiamento e per la determinazione messa in campo dal primo all’ultimo istante. A decretare il trionfo è stata la lotteria dei rigori che ha sorriso ai biancoverdi di mister Benedetti. Gli dei del calcio hanno giustamente premiato la Baldaccio facendo dimenticare il ko patito nel 2013 sempre dagli undici metri nella finale di Coppa Italia con i San Donato. Grande la soddisfazione al termine del match e delle premiazioni di tutto l’ambiente anghiarese che può festeggiare il meritato trionfo. La Baldaccio non ha fallito l’appuntamento ed ha scritto una pagina indelebile della sua gloriosa storia. Se lo merita la società, se lo merita lo staff tecnico, se lo meritano i giocatori, se lo meritano i tifosi (tanti i presenti allo stadio) e se lo merita Anghiari. Bravi a tutti e grazie per averci regalato un’emozione così.

Condividi su Google Plus
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento