Raduno Fiat 1100. Il mito di un'epoca rivive

Come tradizione, l'associazione “Nuova Millecento Club Italia” organizza annualmente un raduno nazionale di auto d'epoca interamente dedicato alla celebre Fiat 1100. La vettura di media cilindrata venne prodotta dalla casa torinese, in molteplici versioni ed allestimenti, dal 1953 al 1969, attraversando buona parte della storia del trasporto civile del nostro Paese oltre ad accendere l'interesse e la passione di molteplici generazioni di automobilisti in virtù della sua proverbiale praticità, robustezza ed economicità. La 9ª edizione del Raduno vedrà gli equipaggi delle Millecento tornare in Toscana, per visitare la città di Arezzo (7, 8, 9 luglio) e conoscere le sue innumerevoli bellezze storiche, artistiche e paesaggistiche senza peraltro tralasciare le altre eccellenze del territorio come l'eno-gastronomia e i prodotti dell'artigianato. Oltre a questo la giornata di domenica 9 luglio sarà ampiamente dedicata all'esposizione, nella splendida cornice medievale di Piazza Vasari, a partire dalle 9.30, di venti modelli di Fiat 1100 provenienti da ogni parte d'Italia e rappresentativi dell'intera gamma di produzione. Veri e propri gioielli da collezione, in perfette condizioni, che per l'occasione potranno essere ammirati da vicino, fin nei minimi dettagli, da tutti gli appassionati e curiosi richiamati in piazza dall'interessante e per certi versi "originale" rievocazione storica che intende non solamente riscoprire il fascino di un'autovettura del passato ma, per riflesso, anche di un'intera epoca che fece sognare gli italiani, grazie al felice connubio tra sviluppo tecnico, economico e consumi di massa, di raggiungere un livello di "benessere" inimmaginabile fino ad allora. E del quale la Fiat 1100 finì col rappresentare, fin dal suo debutto, uno dei principali ed ambiti status simbol.
L'iniziativa è patrocinata dal Comune di Arezzo / Assessorato alle Politiche Sociali, Famiglia, Sport e Politiche Giovanili.

Ufficio Stampa Comune di Arezzo
Condividi su Google Plus
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento