Junior Next Gen Italia, il grande tennis giovanile si sfida ad Arezzo

Il grande tennis giovanile torna a sfidarsi ad Arezzo per il Junior Next Gen Italia, il nuovo torneo federale che raccoglie l’eredità del precedente circuito nazionale giovanile Fit-Babolat. Da venerdì 23 febbraio a domenica 4 marzo, i tre circoli cittadini ospiteranno oltre cinquecento atleti provenienti da tutto il centro Italia che si scontreranno in centinaia di partite nei vari tabelloni maschili e femminili dall’Under10 all’Under16. La competizione rappresenta ormai un appuntamento consolidato del tennis locale che, ormai da sette stagioni, vede Ct Giotto, Ct Arezzo e Junior Arezzo rinnovare la collaborazione per garantire un’impeccabile organizzazione del torneo. Anche per il 2018, dunque, sarà confermata la formula che prevede che tutti gli incontri maschili dall'Under12 all'Under16 siano disputati sui campi del Ct Giotto, gli incontri femminili dall'Under12 all'Under16 su quelli del Ct Arezzo e gli incontri dell’Under10 su quelli dello Junior Arezzo. I tre circoli saranno rappresentanti nello Junior Next Gen Italia da tanti loro atleti del settore giovanile, dunque l’ambizione è di andare avanti nei tabelloni e di poter festeggiare nelle varie categorie qualche vittoria aretina. La tappa di Arezzo è la prima di un circuito che prevede altri tornei in programma a fine marzo al Tc Cagliari, ad aprile al Ct Perugia, a giugno allo Junior Tennis Palocco di Roma e a settembre al Tennis Livorno, che permetteranno di stilare una classifica con i migliori tennisti di tutte le categorie che ad ottobre si contenderanno la vittoria del master nazionale. Il Junior Next Gen Italia sarà accompagnato da particolare interesse perché, per la prima volta nel tennis giovanile, verrà sperimentata un’ipotesi del futuro regolamento internazionale che, ideato per garantire partite più spettacolari e più veloci, ha fatto il suo esordio lo scorso novembre nel torneo Next Gen di Milano rivolto ai migliori tennisti Atp Under21. Le tre principali novità sono l’abolizione del terzo set (in caso di pareggio dopo due set è previsto un tie-break a dieci punti), l’adozione del punteggio “no-advantage” (in caso di game sul 40-40 non vi saranno più i vantaggi ma vince chi realizza il primo punto) e l’applicazione della “regola senza nullo” (sul servizio la palla è valida anche se tocca la rete, dunque non esiste più il net). «Il torneo si presenta particolarmente interessante - commenta Jacopo Bramanti, direttore generale del Ct Giotto, - perché potremo assistere a centinaia di partite tra alcuni dei migliori atleti del panorama giovanile italiano e perché, per la prima volta, permetterà di confrontarsi con le regole che potrebbero caratterizzare il tennis del futuro e che lo renderanno molto più dinamico. Inoltre confermiamo con piacere la collaborazione tra i tre circoli aretini che rappresenta una garanzia per continuare ad assistere ad Arezzo ad uno dei principali tornei giovanili organizzati direttamente dalla Federazione Italiana Tennis».

Uffici Stampa EGV
Condividi su Google Plus
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento