La petrarchina Elena Zaharieva premiata dalla federazione bulgara

La federazione di ginnastica della Bulgaria ha premiato Elena Zaharieva della Ginnastica Petrarca. In occasione dei campionati del mondo di ginnastica ritmica ospitati nei giorni scorsi a Sofia, ivertici federali bulgari hanno deciso di riunire tutte le loro atlete che in passato hanno fatto la storia diquesto sport e che sono riuscite a laurearsi campionesse iridate. In totale sono state settantatre le ex ginnaste che sono state onorate con la consegna di una copia della medaglia del mondiale e, tra queste, è rientrata anche Zaharieva che dal 2010 vive ad Arezzo ed allena presso la Ginnastica Petrarca dove quotidianamente porta il proprio contributo alla crescita delle giovani atlete e ai successi delle agoniste. Nata nel 1973 a Sofia, la bulgara ha iniziato a praticare ginnastica ritmica all’età di cinque anni e a dieci anni è entrata nella squadra della nazionale dove è rimasta per sei anni, trovando la consacrazione con la vittoria dei campionati del mondo del 1989 a Sarajevo. Dopo aver conquistato il maggior risultato possibile, Zaharieva ha interrotto la carriera sportiva e ha studiato storia dell’arte all’università, prima di tornare in palestra nel ruolo di allenatrice e di iniziare a dedicarsi all’insegnamento della ginnastica ritmica. La prima esperienza in Italia è stata nello staff de La Fenice di Spoleto, poi nel 2010 è arrivata la chiamata dalla Ginnastica Petrarca che ricercava un tecnico di esperienza da affiancare ad Irene Leti per la guida della squadra di serie A e del settore agonistico. Il connubio tra Zaharieva e la società guidata dal presidente Paolo Pratesi si è da subito rivelato positivo e, dunque, ormai da otto anni la bulgara è diventata un punto di riferimento per tutte le ginnaste petrarchine e collabora giorno dopo giorno con le altre allenatrici aretine con l’obiettivo di rendere sempre più competitivo il settore della ritmica. «Con la squadra della nazionale - ricorda Zaharieva, - ci allenavamo dieci o dodici ore al giorno, con tanto lavoro e tanti sacrifici che ci hanno permesso di raggiungere la vittoria del mondiale. La federazione bulgara ha ora deciso di ricordare le atlete più importanti della sua storia e di premiarle proprio in occasione dei campionati del mondo: si è trattato di un bel riconoscimento arrivato a sorpresa a distanza di quasi trent’anni dal successo, anche se io, purtroppo, non ho potuto partecipare alla cerimonia. Attenderò la medaglia a casa e festeggerò poi insieme ad atleti, tecnici e dirigenti della Ginnastica Petrarca».

Uffici Stampa EGV
Condividi su Google Plus
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento