La prima di campionato. Arriva la corazzata Montalcino

Fine delle prove tecniche, inizia il calcio che conta. Dopo la vittoria in Coppa Italia contro la Castelnuovese, per il Terranuova Traiana arriva il debutto in campionato. Per la terza stagione consecutiva il club del presidente Mauro Vannelli si appresta a disputare il secondo torneo dilettantistico a livello regionale. Per farlo il sodalizio di piazza generale Coralli si è affidato alla coppia Donello Resti, nel ruolo di direttore sportivo e Marco Becattini come guida tecnica. Ad un mese dall’inizio della preparazione atletica, lasciate alle spalle le tre amichevoli disputate, oltre alla gara di coppa, per i biancorossi si inizia a fare sul serio. Domenica pomeriggio, con inizio alle ore 15.30, allo stadio comunale Mario Matteini il Terranuova Traiana sarà opposto ai senesi del Montalcino, nella gara di apertura del girone B del campionato regionale di Promozione Toscana. Mai inizio di torneo sarebbe potuto essere più difficile per la truppa di Becattini. In riva al Ciuffenna sbarcherà infatti sì una neopromossa che ritorna in Promozione a distanza di 7 anni, ma con il chiaro intento però di fare una rapida risalita in quell’Eccellenza che nella città del Brunello manca dal 2010. Per farlo i biancoverdi, riconfermato in panchina mister Simone Francini, hanno allestito una rosa in grado di lottare per i piani alti della classifica. Alla corte degli ilcinesi il diesse Luca Maura ha portato tra gli altri il centrocampista Michele De Gennaro, ex Valdarbia, Chiantigiana e Gracciano, il difensore ex Badesse e Figline, Matteo Bonsi, che assieme a Chellini e Signorini comporrà il pacchetto arretrato del sodalizio del presidente Bernardo Losappio , mentre a difendere la porta ci sarà il classe 1998 Lorenzo Beligni ex Roselle, Albinia e San Donato Acli. Due le ciliegine sulla torta. Una in attacco dove mister Francini potrà avere a diposizione il forte centravanti Vincenzo Vento, classe ‘89, ex Gavorrano, San Quirico, Fonte Belverde, Roselle e Grosseto, più di 100 gol fra i dilettanti. Insieme a lui Tommaso Salvestroni (classe ‘85, centrocampista), ex Grosseto, con tra scorsi in serie C, D ed Eccellenza, giocando tra le altre con Monopoli, Casarano, Grottaglie, Francavilla, Ostuni e Fasano, ma anche Matera e Chieti. Singolare e curioso un episodio, sicuramente quello che da lustro alla carriera del mediano maremmano. Il 18 dicembre 2002 con la maglia della Reggina di mister De Canio, dopo aver perso al Granillo 2-0 la gara di andata, supera 1-0 allo stadio Delle Alpi di Torino la Juventus di Marcello Lippi nel ritorno degli ottavi di finale Coppa italia. Davanti a 399 paganti Salvestroni, all’epoca diciassettenne, con la maglia numero 26, giocò tutta la partita e venne ammonito per gioco scorretto. Per altro con gli amaranto fu quella la sua unica presenza in prima squadra. Montalcino che nella passata stagione, nel girone F del campionato di Prima categoria chiuse al secondo posto con 64 punti, uno in meno del Mazzola Valdarbia. Miglior attacco del girone con 65 reti all’attivo, 13 dei quali messi a segno da bomber Pecchi (’89), 11 da Diokh (’86) e 10 da Bandini (’85), oltre a 12 realizzati da Davide Barbi, mentre con 23 gol subiti i bianco verdi sono stati la seconda difesa del raggruppamento. Montalcino che ha guadagnato l’accesso in Promozione vincendo la Coppa Toscana di categoria, superando in finale al Gino Bozzi di Firenze il Viaccia per 2-1. Promozione che era stata ottenuta sul campo anche la stagione precedente, quando i senesi dopo aver chiuso al terzo posto con 53 punti la stagione regolare, vinsero i play-off del girone, superando 1-0 in semifinale il Gracciano in casa, 1-0 dts l’Aurora Pitigliano in finale e 1-0 nello spareggio regionale intergirone l’Mc Valdichiana. Non fu sufficiente però per essere ammessi in categoria superiore per la peggiore posizione in classifica di merito tra le 3 vincenti gli spareggi. Montalcino che domenica scorsa nell’esordio in Coppa ha vinto in casa 2-0 contro il Mazzola Valdarbia grazie ai gol di Diokh e Salvestroni. Biancoverdi che si giocheranno il secondo turno a Gaiole contro la Chiantigiana, contando su due risultati su tre, visto lo 0-0 dei chiantigiani a Monteroni. Insomma ci sono i presupposti per un bel match, aperto ad ogni risultato, nel quale i valdarnesi faranno bene a non abbassare la guardia, considerando l’elevato tasso tecnico degli avversari che, è bene ricordalo, hanno iniziato la loro preparazione il 10 di agosto.

Francesco Pianigiani
Condividi su Google Plus
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento