Roberto Paglicci conquista la Coppa Italia Master

L’Arezzo Karate 1979 ha trionfato nella Coppa Italia Master con Roberto Paglicci. La manifestazione si è svolta al PalaPellicone di Lido d’Ostia e ha visto sfidarsi centootto atleti adulti che, terminata la vera e propria attività agonistica, stanno continuando comunque a praticare karate ad un buon livello e a confrontarsi con i loro coetanei nelle varie fasce d’età. Tra questi era presente anche Paglicci che è riuscito a completare una storica doppietta: dopo essersi laureato campione italiano lo scorso maggio, l’aretino ha vinto anche la Coppa Italia e si è così aggiudicato i due più importanti trofei nazionali nei -75kg dei MasterC 45-50 anni di Kumite (Combattimento). A quarantanove anni, dunque, l’atleta si è consacrato in assoluto come il migliore della penisola nella sua categoria, dando seguito ad una scia di successi iniziata nel 2016 con il bronzo ai Campionati Italiani e proseguita nei due anni successivi con un doppio titolo tricolore. L’affermazione in Coppa Italia è arrivata dopo una combattuta finale contro il campano Remo Dello Ioio del Cs “Giuseppe Moscati” Gragnano, in cui si è imposto con un bel 2-0. Con impegno, grinta e passione, Paglicci ha arricchito ulteriormente un palmares dell’Arezzo Karate 1979 che in quasi quarant’anni di attività vanta trentun titoli italiani in tutte le categorie. Oltre a combattere, l’atleta è anche impegnato nello staff tecnico per far crescere i bambini e i ragazzi della società, portando loro un esempio di come sia possibile ottenere bei risultati e soddisfazioni ad ogni età. In Coppa Italia doveva essere presente anche Marco Pastorini nei -60kg dell’Under21, ma un infortunio alla vigilia della gara ha costretto l’aretino a rinunciare all’impegno. «Paglicci è un atleta da elogiare - commenta Alessandro Balestrini, direttore tecnico dell’Arezzo Karate 1979. - Più passano gli anni, infatti, e più è capace di conquistare importanti risultati che danno lustro alla nostra società, rivelandosi anche un modello di impegno e di passione per tutti i nostri giovani atleti».

Uffici Stampa EGV
Condividi su Google Plus
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento