I numeri del campionato – 15° giornata e girone di andata

La 15° giornata del campionato di Eccellenza non ha fatto registrare pareggi. Le compagini di casa hanno collezionato 5 vittorie, quelle impegnate in trasferta ne hanno invece ottenute 3. Le reti sono state nel complesso 22. Il girone di andata si è concluso con 284 gol realizzati in 120 partite (media di 2,367 a confronto, ma ben 36 in meno di quanti ne erano stati siglati la scorsa stagione al giro di boa), 155 dei quali firmati dalle squadre che hanno giocato tra le mura amiche. Il 40% delle gare disputate ha fatto registrare il segno “1” (48 affermazioni interne), il segno “2” si è verificato nel 27,5% dei casi (33 volte), mentre il 32,5% dei match sono terminati in parità (39). Il dato più significativo riguarda ovviamente la classifica con il Tiferno 1919 che grazie al successo casalingo contro la Narnese (2-1) è salito a quota 30 laureandosi “campione d’inverno”. L’attacco più prolifico del girone di andata è quello dello Spoleto (25 gol all’attivo), la difesa meno battuta è dell’Orvietana (soltanto 12 reti al passivo), mentre il Tiferno 1919 è la squadra che ha collezionato più vittorie (9). Primati negativi per Ellera (1 solo successo, 11 sconfitte e retroguardia più perforata con 37 reti incassate) e Gualdo Casacastalda (appena 12 gol realizzati). “Regine” di pareggi Ponte Valle Ceppi e Orvietana con 8 a testa (53,33% delle gare disputate). Tiferno al comando della classifica grazie al 4° successo nelle 7 partite casalinghe disputate che con 30 punti all’attivo ha concluso il girone d’andata ad una media di 2 punti esatti a partita. Al 2° posto con 28 punti è salito lo Spoleto che battendo 3-1 in casa il Ponte Valle Ceppi ha centrato il 3° risultato utile di fila e la 5° affermazione su 7 gare interne. La squadra più in salute del momento è il Sansepolcro che regolando 2-0 al Buitoni il Gualdo Casacastalda ha ottenuto la 3° vittoria di fila ed il 6° risultato utile consecutivo issandosi in 3° posizione a quota 27. Complicato invece il periodo della Narnese che è caduta nel big match con il Tiferno incassando la 3° sconfitta di fila e rimanendo ferma a quota 26 (4° posto). La zona play off è completata dall’Orvietana che grazie all’1-0 rifilato sul proprio campo al San Sisto ha collezionato il 5° risultato utile di fila e ritrovato un successo che mancava dal 17 novembre (2-1 con il Gualdo Casacastalda). In questo caso i 23 punti all’attivo valgono la 5° posizione. L’Angelana ha perso in casa 2-1 con il Castel del Piano, ha incassato il 2° ko di fila (dopo quello al cospetto del Gualdo Casacastalda) ed è rimasta ferma a quota 22, con 1 lunghezza di distacco dalla zona play off e 1 di vantaggio sul terzetto formato da Lama, Nestor e Castel del Piano. I bianconeri hanno perso 2-1 sul campo della Nestor, sono caduti dopo 7 risultati utili consecutivi ed hanno dovuto fare i conti con la 4° sconfitta stagionale, il Castel del Piano ha bissato la vittoria interna del turno precedente, mentre la Nestor ha riscattato il ko rimediato settimana scorsa ed ha conquistato il 4° successo interno di fila. A quota 20 si trovano Ponte Valle Ceppi (1 punto nelle ultime 2 gare disputate) e Trasimeno (capace di vincere ad Ellera e alla 2° affermazione consecutiva). Il Ducato si è imposto 2-1 sul campo dell’Assisi Subasio e ha quindi conquistato il 4° risultato utile consecutivo portandosi al quintultimo posto con 17 punti all’attivo, mentre a causa di questa battuta d’arresto (2° di fila) l’Assisi Subasio è rimasta ferma a quota 15. Terzultima piazza a quota 14 per il San Sisto (ko per la 5° volta su 7 trasferte), penultima a quota 10 per il Gualdo Casacastalda (solo 3 punti ottenuti in 8 gare esterne) e ultima a quota 6 per l’Ellera (11° sconfitte su 15 partite).
VA Sansepolcro al 3° posto
Il 3 è il numero che caratterizza i dati statistici del Vivi Altotevere Sansepolcro al termine della 15° giornata. La squadra di mister Bonura (vittoriosa con il Gualdo Casacastalda grazie al 2° centro in campionato di Braccini e al 1° squillo stagionale di Mencagli) ha infatti centrato la 3° affermazione di fila (dopo quelle contro Tiferno e Narnese), ha ottenuto il 3° successo su 7 gare casalinghe (6° risultato utile consecutivo sul terreno amico) e si è portata al 3° posto in classifica (27 punti), a -3 dalla capolista Tiferno. Altri due i dati interessanti e molto positivi: i risultati utili totali sono diventati 6 (15 punti nelle ultime 6 gare giocate) e per la 2° volta consecutiva i bianconeri non hanno incassato reti (7° volta in stagione con la porta inviolata). In totale 7 vittorie, 6 pareggi e 2 ko con 22 gol all’attivo (3° attacco) e 15 incassati (7° difesa). Domenica prossima il team di Bonura affronterà tra le mura amiche la Trasimeno nell’ultimo impegno del 2019 e 1° match del girone di ritorno. I bianconeri nelle 7 gare casalinghe disputate hanno ottenuto 11 punti (3 successi, 3 pari e 1 sconfitta con 12 gol all’attivo e 9 al passivo). L’unica sconfitta interna è stata quella del 15 settembre con il Ducato (3-4), seguita poi come detto da 6 risultati utili. All’andata i bianconeri (guidati allora da mister Bricca) si imposero 1-0 in trasferta. La Trasimeno è reduce dalle 2 affermazioni di fila conquistate in casa con l’Assisi Subasio e fuori a spese dell’Ellera ed occupa la sestultima piazza con 20 punti (+3 rispetto alla zona play out). Il team di Castiglione del Lago ha finora ottenuto 5 vittorie, 5 pareggi e 5 sconfitte, con 17 gol realizzati (6° attacco) e 14 incassati (4° retroguardia). Nelle 7 gare giocate in trasferta il team degli ex bianconeri Braccalenti e Iavarone ha raccolto 9 punti (2 successi, 3 pari e 2 ko con 7 reti all’attivo ed altrettante al passivo). La Trasimeno non perde fuori casa dal 1 dicembre (2-1 contro lo Spoleto in quella che è anche l’ultima sconfitta in assoluto) e nelle ultime 6 gare esterne ha totalizzato 9 punti (score quindi di tutto rispetto). Sarà un confronto difficile e “rognoso” da affrontare con la stessa umiltà e la stessa consapevolezza che si sono viste nelle ultime sfide. L’arrivo di Zuppardo (“Bentornato Liborio!!”) darà peso ulteriore al reparto offensivo, ma ancora una volta le armi vincenti dovranno essere la compattezza del gruppo e la capacità di giocare da squadra. Per compiere un altro passo e continuare a sognare!

Condividi su Google Plus
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento