I risultati dell'Atletica Sestini ai Campionati Italiani Master


Tre giornate all'insegna dell'agonismo ma anche divertimento. La fatica quando la cosa piace diventa appagamento. La pista non inganna nessuno: è un momento di confronto con se stessi e con gli altri. Pur distanziati gli atleti si conoscono e si confrontano. Nei master questo avviene periodicamente. In tali occasioni anche i nostri e le nostre atlete si ritrovano per un Happening di lunga durata. Oggi, appagato dai risultati, voglio descrivere x ogni atleta il mio pensiero. Dispiace x Silvano Sguerri che, preparate le gare a puntino, durante la notte fra venerdì e sabato, ha dovuto disertare giocoforza l'evento. Niente di grave ma prevenire è meglio che curare. Sabato Silvano ha fatto visita al campo salutando tutti. Lo rivedremo l'anno prossimo al cambio di categoria più forte che mai. Le gare del Venerdì iniziano con Tiezzi Paolo : Martello x proseguire poi con disco e martellone sotto il diluvio della Domenica. Si mantiene sui suoi livelli. La mancanza di gare lo ha penalizzato più degli altri. Bassani apre il sabato con giavellotto: qui emozionatissima non azzecca un lancio; si rifà il pomeriggio con 1'20"2 sui 400: mai fatto prima. Emozionata la mattina, tranquilla il pomeriggio e poi la domenica scarica la tensione a Bucine nel Valdambra trail. Barbara Perez si conferma in ascesa sui 400, fra scarpe chiodate e corsa in corsia riesce a migliorare anche sui 200 per fare un capolavoro in staffetta. gatto personale sui 1500 con gara coraggiosa(60"1'26"85-1'29"25 e 1'33") in rettilineo è rimontata da 2 grossi calibri ma 4", nonostante fosse alla 1^ gara dell'anno dopo la carenza di ferro che l'aveva "appassita". Giusti Giacobbe finalmente fa una gara come dovrebbe fare sempre. Partenza in fondo al gruppo poi il ritmo sale e lui è sempre li'. Si scatenano i grossi calibri e Giacobbe soccombe, soffre il ritmo, ma la volata finale lo premia con un crono da M 60 vincente. Enrique e Maurizio entrambi gestiscono bene la gara finendo fortissimo con personali "disintegrati". Passaggi 54"21 1'17"81-1'17"75- 107" x Enrique 57"21 - 1'19"15 - 1'20"97 1'15"97. Ciò dimostra che il miglioramento è prossimo come dimostrato anche negli 800 col 2° giro più forte del primo. Spiace solo che Enrique sia stato solo in entrambe le gare. Pensate che il 2° giro a 64"1 in solitaria. Maurizio 2° giro come il 1° mentre il Pialli in gara solo sugli 800 termina a ritmo "allenante". Si passa all'ultima giornata dove succede di tutto in positivo e in negativo. Negli 800 Francesca Liberatori migliora il P.P. datato 2006. La corsa senza chiodi non l'aiuta ed ormai passata alle lunghe distanze. Sui 200 tutti migliorano. Valentina scende sotto i 35" col sociale di categoria. Tiziano Caldarone si migliora sui 200 portando il suo P.B. a 28"31 sociale anche x lui. Lauricella e Borgogni scelgono i 200 x il debutto in pista. Un nubifragio con tanto di vento sconbussola il finale x le siepi e le staffette. Enrique telefona x sapere se le staffette si fanno. Saltati anche i computr x cronometraggio e riprese televisive. Si riprende sotto un leggerissima piogia. Intanto le 2 siepista sembrano uscite dalla piscina tanta è l'acqua che hanno preso. Per recuperare vengono fuse le gare delle siepi con qualche concorrente in più del previsto. Tutti corrono sopra i propri limiti. Leonardo, uno straccio x i tanti dolorini, compie un'impresa con passaggi che evidenziano tutta la sua forma attuale. una caduta ed un ritiro, dovuti alla pioggia, consentono a Leonardo di ripetere il risultato di Orvieto 2017 anche se con 1' in più. Gli anni passano. Sociale di ctg anche x lui. Si arriva al clou della giornata. Le staffette 4 x 400 fanno faville. Nel settore femminile Maria Gatto lancia la gara Barbara Perez passa al comando Francesca Liberatori regge la posizione come Simona che nella può con dolori e la passa all'ultimo metro la squadra vincitrice delle SF35. Tempi da personali x tutte salvo Simona che, come in campestre, si è dimostrata stoica ma risolutiva. 69"58/1'12"37/1'22"22 e 1'20"66 con 8 m. in più. Nella 4 x 400 maschile parte Tiziano Caldarone con 64"21 al cambio poi 60"06 x Enrique 60"84 x Luca Caneschi e finale x Maurizio 62"97 x 409 metri. I reduci da infortuni sono stati utilizzati solo x le staffette. Ma hanno dimostrato che ne valeva la pena. Assenti in diversi x impegni personali o impegnati in gare in contemporanea. Un plauso a chi ha partecipato al Valdambra trail come Parolai (8^) Tognaccini e Bassani in completo relax sui 14 Km. Una parola x filippo sceso in campo con dolori sparsi ma convinto a farlo x essere vicino agli atleti in campo. Fino alla fine della gara ha potuto filmare e fotografare. In campo anche il redattore in vieste di giudice ai lanci e ale corse(quando serviva). Per la cronaca i giudici da tutta Italia x questo Happening finale. Purtroppo il COVID ci sta togliendo la parte migliore dello sport dei master: il contato con gli altri. Un particolare sui tecnici della nostra squadra: tutti atleti od ex atleti ma in regola con i regolamenti federali: Istruttori fidal e allenatori. Chi sono? Chiericoni Barbara, istruttrice, Stefano Del Mastro allenatore, Tarquini Leonardo e Ballotti Filippo istruttori.
STATISTICHE:
Primati personali 16
Primati sociali 6 : 4x400 master sia maschile che femminile 3000 siepi SM50, 200 piani SF35 E SM50 1500 SM55.
Miglior punteggio tabellare fidal maschile Giusti Giacobbe 764
Miglior punteggio tabellare femminile Gatto 634
Miglior punteggio femminile delle esordienti Perez 616 sui 400
Miglior punteggio maschile degli esordienti maschili Moya 587 sui 1500
Miglior filmato Ballotti Filippo
. Prossima gara a Montegiovi (salvo COVID impedimenti) domenica 18

Atletica Sestini

Nessun commento

Powered by Blogger.