Header Ads

In casa con il Signa per raggiungere quota 40

Nella 29° giornata di campionato la Baldaccio Bruni ospiterà al Saverio Zanchi il Signa. Ecco la presentazione del match
Nel 29° turno del campionato di Eccellenza Toscana Girone B la Baldaccio Bruni Anghiari ospiterà al Saverio Zanchi il Signa. I biancoverdi torneranno quindi sul terreno amico dopo il pareggio senza gol di Bucine con l’obiettivo di centrare il massimo risultato e migliorare ulteriormente la classifica. Riuscirci vorrebbe dire raggiungere quota 40 a cinque giornate dal termine della stagione regolare e mettersi nelle condizioni giuste per affrontare al meglio lo sprint finale.
I NUMERI DELLA BALDACCIO
La Baldaccio Bruni è reduce dal pareggio esterno contro la Bucinese e da 3 risultati utili consecutivi (contando anche i 4 punti ottenuti tra le mura amiche con Badesse e Foiano), non incassa reti da 270 minuti (ultimo gol al passivo al 90’ del match perso 3-1 sul campo della Rignanese) e non perde dal 17 febbraio. La compagine di mister Chiarini occupa l’8° posto in graduatoria con 37 punti (-1 dalla 7° posizione e +11 rispetto ai play out) e nelle 26 partite giocate finora ha conquistato 9 successi, 10 pareggi e 7 sconfitte con 34 reti all’attivo (8° attacco) e 36 al passivo (12° difesa). Nei 13 incontri giocati al Saverio Zanchi gli anghiaresi hanno raccolto 18 punti (4 affermazioni, 6 pareggi e 3 ko con 19 gol siglati e 19 incassati). La compagine di mister Chiarini in casa ha vinto con Castiglionese, Valdarno, Fortis Juventus, Foiano, è in serie utile da 10 giornate (4 successi e 6 pari) e non perde dal 7 ottobre (2-4 con il Poggibonsi).
I NUMERI DEL SIGNA
Il Signa ha 26 punti in classifica, frutto di 6 successi, 8 pari e 12 ko, con 26 gol siglati (12° attacco) e 37 incassati (quartultima difesa), occupa la sestultima piazza pari merito con il Porta Romana ed è nel limbo della zona play out (+10 comunque sulla Castiglionese penultima per un gap che a questo momento garantirebbe comunque la permanenza in categoria). La squadra fiorentina è reduce dal ko casalingo di domenica passata con l’Antella, non segna da 265 minuti (dal momentaneo 1-0 firmato da Sordi nella partita pareggiata 1-1 il 20 febbraio con la Fortis Juventus), non vince dal 20 gennaio (2-0 sul campo della Bucinese) e nelle successive 7 giornate ha conquistato soltanto 3 punti (3 pari e 4 ko con 3 gol fatti e 9 subiti). La squadra diretta da Enrico Cristiani nelle 13 gare giocate in trasferta ha ottenuto 13 punti (3 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte con 10 gol all’attivo e 19 al passivo), non conquista affermazioni esterne dal 20 febbraio (il già citato 2-0 con la Bucinese) e nelle successive 3 gare giocate lontano dal terreno amico ha perso con Poggibonsi e Grassina e pareggiato con lo Zenith Audax.
I PRECEDENTI TRA BALDACCIO E SIGNA
Nelle ultime 3 stagioni Baldaccio e Signa si sono incontrate 7 volte. I biancoverdi hanno ottenuto 3 vittorie (1-0 in trasferta il 23 ottobre 2016, 3-1 in casa il 19 febbraio 2017 e 1-0 sempre al Saverio Zanchi il 12 novembre 2017), 2 pareggi (entrambi per 0-0 in terra fiorentina il 4 marzo 2018 e il 18 novembre 2018) e 2 ko (1-0 fuori casa il 20 dicembre 2015 e 0-2 ad Anghiari il 17 aprile 2016 nella gara che di fatto condannò gli anghiaresi al play out con il Maliseti Tobbianese). I biancoverdi sono avanti non solo nei risultati, ma anche nel computo dei gol realizzati (5-4) e sono tra l’altro in serie utile da 5 sfide (3 successi e 2 pari nelle ultime 2 stagioni dopo le 2 sconfitte del 2015-2016). Nelle 3 gare giocate al Saverio Zanchi gli anghiaresi hanno ottenuto quindi 2 vittorie e 1 ko (4-3 i gol a vantaggio della Baldaccio).
QUOTA 40
La salvezza è praticamente cosa fatta (manca la matematica sicurezza, anche se il vantaggio rispetto alla zona play out è cospicuo), ma battere il Signa consentirebbe ai biancoverdi di salire a quota 40 punti e di vivere un finale di stagione ancora più spensierato. Provando a lottare per un piazzamento nei play off (difficile, ma non impossibile in caso di vittoria con il Signa) e dando magari ancora più spazio a quei giovani che rappresentano un patrimonio su cui costruire il futuro. Per questo motivo il match di domenica dovrà essere affrontato con il giusto atteggiamento.

Nessun commento

Powered by Blogger.