Header Ads

Cecili monumentale, la Bruschi sbanca Selargius in Gara 1 di Semifinale


La Bruschi non sbaglia ed espugna con ampio merito Selargius in gara uno con il punteggio finale di 55-67. La formazione di Franchini sfoggia l’ennesima prova difensiva da applausi, ma soprattutto mette ancora una volta sotto i riflettori protagoniste differenti. Lo fa con Alice Gregori, trascinatrice della Bruschi nel primo tempo, ma soprattutto sfoggiando la miglior Giulia Cecili, autentica mvp della contesa con i 9 punti nel quarto periodo che hanno spaccato l’equilibrio dopo che nei primi tre quarti Selargius aveva risposto colpo su colpo alle offensive di Bona e compagne.
SELARGIUS: Simoni, Granzotto, Manzotti, El Habbab, Cutrupi
SGV: Nativi, De Pasquale, Missanelli, Bona, Slim
Cronaca – Partono subito bene le locali, con El Habbab e Manzotti a firmare il 5-0. Bona sblocca la Bruschi, poi è la il turno di Slim a segno dall’arco ma Manzotti risponde con la stessa moneta per il 10-5 Selargius. La formazione di Franchini trova però buoni spunti prima da Bona, poi da Nativi, restando a contatto sul 14-12. Cutrupi mette nuovamente due possessi di scarto, ma De Pasquale dall’arco fa meno uno. Parità che si concretizza poco dopo, con il 2+1 di Nativi che vale il 18-18. L’ultimo acuto è quello di Ceccarelli che da tre punti archivia la prima frazione sul 21-19. Nel secondo periodo la Bruschi prova a partire decisamente con una marcia differente e con il duo Gregori-Olajide tocca il massimo vantaggio, sul 23-28. La Techfind sbaglia e una scatenata Gregori tenta di scavare il primo break della gara, con la tripla del più otto esterno che obbliga le padrone di casa al timeout. Al rientro si rimette subito in mostra El Habbab con un gran 2+1, ma Olajide replica prontamente con il 26-33. Manzotti prima e Pinna poi rimettono in scia la formazione di casa (34-36), ma Bona continua nel suo bel momento firmando nuovamente il più quattro ospite. Equilibrio che continua a regnare, con la Bruschi che archivia il primo tempo avanti sul 39-42. Un bel canestro di Ceccarelli riapre la terza frazione di gioco ma Missanelli replica con un’altra bella giocata. Bona propizia il più sei, ma Cutrupi e Granzotto dalla linea della carità riporta a contatto la Techfind, sul 46-49. Manzotti timbra il meno uno, con Franchini che rimanda sul cubo dei cambi Bona e Cecili per ridare ossigeno alla squadra. Nel momento più difficile, è Missanelli a sparare la tripla che fa rifiatare le compagne, sul 48-52 con cui si chiudono i primi trenta minuti. Ultimo periodo che si apre nel segno di una scatenata Giulia Cecili: la numero sedici sale in cattedra proprio nel momento decisivo, mettendo il proprio nome su tutti i nove punti segnati nei primi due giri di orologi, trascinando le compagne sul 50-61 che obbliga Selargius al timeout. Pausa che rigenera le sarde, che al rientro trovano quattro punti in un amen che portano Franchini a chiamare a sua volta minuto di sospensione. Missanelli sblocca San Giovanni Valdarno, con Selargius che accusa il colpo non trovando più la via del canestro. Bona fa più dodici, con il finale di tempo che scorre via senza più acuti. La Bruschi fa sua gara uno espugnando Selargius 55-67. Coach Franchini ai microfoni di Directa Sport: “Dopo un lungo stop, Cecili ha ricomiciato piano piano a ridare il suo contributo e oggi è stata importantissima dando quel supporto che ci è sempre mancato come cambio di Nativi. Abbiamo inoltre fatto una grande difesa, costringendo Selargius a 55 punti in casa. Questo è solamente il primo atto, poi da lunedì si torna a lavorare. Loro hanno fatto un ottimo campionato dimostrando ancora una volta di essere competitive”.
Techfind San Salvatore Selargius – Bruschi San Giovanni Valdarno 55 67
Selargius: Simoni, Granzotto 2, Manzotti 17, Cutrupi 11, El Habbab 10, Melis ne, Vargiu ne, Mura, Pinna 3, Loddo ne, Ceccarelli 12, Demetrio Blecic. All.Fioretto
San Giovanni Valdarno: Bona 11, De Pasquale 8, Nativi 5, Missanelli 9, Slim 8, Sasso ne, Cecili 9, Valensin 2, Olajide 7, Gregori 8. All.Franchini

Uff.Stampa Bruschi Bk Team-Polisportiva Galli

Nessun commento

Powered by Blogger.