Trasferta contro il Grassina per la truppa di Calori


Terza trasferta consecutiva in terra fiorentina per il Terranuova Traiana che, dopo quella di Brozzi contro il Firenze Ovest (sconfitta 2-0) e quella di via di Pulicciano contro l’Antella (0-0), domenica pomeriggio (inizio ore 14.30) ritorna come due settimane prima nel comune di Bagno a Ripoli, città metropolitana di Firenze, per affrontare il Grassina nella diciassettesima giornata, sesta di ritorno, del girone C del campionato regionale di Eccellenza Toscana.
Allo stadio comunale Andrea Pazzagli (grandissimo ed indimenticato portiere Anni 80-90 tra le altre di Fiorentina, Ascoli, Milan e Bologna) di Ponte a Niccheri (via di Belmonte, 35) arbitrerà Alessandro Dancelli di Brescia che si avvarrà della collaborazione degli assistenti di linea Carlo Maria Angelici di Pisa e Lorenzo Guiducci di Empoli. Promosso alla Commissione Arbitri Interregionale nell’estate 2020 e alla CAN D a luglio 2021, Dancelli è alla quindicesima designazione stagionale, la prima in Toscana, reduce da Chisola-Albese (1-1) Eccellenza Piemonte e Casteltermini-Akragas 2018 (0-3) Eccellenza Sicilia.
Terranuova Traiana terzo in classifica con 29 punti (8 in trasferta in 9 giocate), due in meno della seconda e -5 dalla prima della classe. Biancorossi che in trasferta hanno vino due volte: 1-0 a Borgo San Lorenzo alla terza giornata e 2-0 a Foiano alla settima lo scorso 14 novembre. Poi due pareggi: 1-1 a Sinalunga alla quinta e 0-0 all’Antella alla quindicesima. Oltre a 3 sconfitte, le uniche fin qui subite, con Figline (1-0 alla prima), Baldaccio (2-1 alla decima) e Ovest (2-0 alla tredicesima). Terranuovesi miglior difesa del campionato con 10 gol al passivo (5 nei p.t., 5 nei s.t.), 6 dei quali lontano dal Matteini, ma anche ottavo attacco del girone con 15 reti fatte (7 e 8), 5 delle quali in trasferta. Trai marcatori 5 gol Sacconi, 3 Betti e Massai, 1 Cioce, Sestini e Vestri, oltre un autogol. Valdarnesi reduci da un doppio 0-0 (Antella fuori e Sinalunghese in casa) che, unito alla vittoria interna 1-0 con la Fortis, ha portato a 276 minuti l’inviolabilità della porta difesa da Thomas Scarpelli. Mister Simone Calori, al ritorno in panchina dopo 2 turni di squalifica, potrà contare su tutti gli effettivi, escluso Lorenzo Betti reduce dalla rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro.
Dall’altra parte un Grassina ultimo della classe con 12 punti (7 in casa in 8 gare), secondo peggiore attacco del raggruppamento con 12 reti all’attivo (7 nei p.t., 5 nei s.t.), 7 delle quali in casa, ma anche quinta difesa del torneo con 17 gol subiti (10 e 7), 9 delle quali al Pazzagli. Rossoverdi che tra le mura amiche hanno vinto due volte (3-0 contro l’Ovest alla settima e 2-1 con la Chiantigiana alla quindicesima), pareggiato 0-0 all’ultima di andata nel derby con l’Antella e perso 5 con partite con Sinalunghese (2-0 alla prima), Foiano (2-1 alla terza), Grassina (1-0 alla quinta), Figline (1-0 alla nona) e Pontassieve (2-1 alla tredicesima). I ragazzi di Nicola Pozzi sono reduci dalla sconfitta 1-0 maturata domenica scorsa alle Due Strade contro il Porta Romana, preceduta dalle vittorie con Chiantigiana in casa e Foiano in trasferta. Fiorentini in rete 5 volte con Carcani, 3 Micchi, 1 Mannella, Mulas e Rosi, oltre un autogol.
Questi i numeri. In campo però sarà un’altra storia. Vuoi per la qualità della rosa a disposizione di mister Pozzi: in ordine sparso tra gli altri Mannella, Carcani, Micchi, Viligiardi, Torrini, Mulas, Rocchini, Cavaciocchi e Zagaglioni, vuoi per il blasone visti gli ultimi due anni in Quarta Serie, per le ambizioni ormai vanificate di ritornarci e per l’appassionato e spettacolare attaccamento alla maglia dei fedelissimi tifosi delle Brigate Rossoverdi che da sempre seguono numerosi la squadra sia al Pazzagli, che fuori.
All’andata, il 7 novembre scorso, finì con uno 0-0 che segnò il quinto risultato utile consecutivo per il Terranuova Traiana contro un coriaceo e volitivo Grassina, di certo non meritevole del ruolo di fanalino di coda. Un pareggio che certamente rese più felice i fiorentini, quasi all’ultima spiaggia, al secondo pari esterno e ancora mai vittoriosi dopo 6 turni. Terranuovesi che invece recriminarono parecchio per la scarsa concretezza sotto porta e soprattutto per il rigore fallito da Manuel Vestri nel finale di parziale.
In precedenza l’ultimo incrocio risale alla stagione 2011/2012: girone C del campionato di Prima categoria. Il 9 ottobre, alla quinta giornata, il Grassina si impose in casa 2-0, il 20 febbraio 2012, al ritorno, finì 1-1. Torneo che vedrà il Grassina terminare in seconda posizione a due lunghezze dai cugini dell’Antella, poi comunque entrambe promosse. Rossoverdi che poi disputeranno in successione 3 campionati di Promozione, 4 di Eccellenza, l’ultimo dei quali vinto con 74 punti al termine della stagione 2018/2019, quindi due campionati di Serie D: il primo chiuso al terzo posto, il secondo, quello scorso, al penultimo che costò al club del presidente Tommaso Zepponi la retrocessione in Eccellenza. Stagione 2011/2012 che segna invece la retrocessione e la fine dell’allora Terranuovese dopo il penultimo posto nella stagione regolare e la doppia sconfitta nel play-out contro l’Impruneta. Un solo altro precedente tra le due contendenti. Girone B del campionato di Promozione 2010/2011. Una vittoria esterna a testa: 2-1 Grassina il 19 settembre e 1-0 Terranuovese il 16 gennaio con gol di bomber Benedetto, traversa di Totò Arcadio e rigore parato da Nocentini a Cianferoni. Sia i biancorossi, guidati prima da Cigolini e poi da Sereni, sia i rossoverdi diretti da Michelacci e poi da Morrocchi chiuderanno la stagione con la retrocessione in Prima categoria. I valdarnesi direttamente con l’ultimo posto, i fiorentini dopo il play-out perso con l’Ideal Club Incisa.
Domenica sarà sicuramente tutta un’altra storia.
Per chi non potrà essere presente a Ponte a Niccheri aggiornamenti flash in diretta nel corso del programma “Pomeriggio Smash” in onda dalle 14.20 su Radio Emme alle frequenze FM 96.8-100.1-100.4, in streaming sul sito web radioemme.it oppure sulla APP Radio Emme, al quale dalle 16.30 circa faranno seguito le interviste a caldo dei protagonisti.

Francesco Pianigiani

Posta un commento

0 Commenti