Campionato Italiano Motocross Vintage 2016

Dopo il grande successo dell’anno scorso, il Moto Club Brilli Peri di Montevarchi ripropone una manifestazione vintage che trasformerà per un giorno il crossodromo Miravalle in un grande museo a cielo aperto. Ingresso libero a Tutti! Domenica 9 Ottobre farà infatti tappa in Valdarno il Campionato Italiano motocross d’epoca, giunto all’ultimo round della stagione 2016, e si prevede la presenza di almeno duecento moto costruite dai primi anni ’60 a non oltre il 1989, tutte perfettamente funzionanti ed esposte nel paddock, pronte a scendere in pista. E poi sarà spettacolo, anche grazie alla capacità dei piloti la cui età spazia dai 14 ai 76 anni, raggruppati a seconda delle moto utilizzate. Insomma un evento originale capace di esercitare un forte richiamo sugli appassionati di questa specialità del motociclismo. Il Moto Club Brilli Peri ha previsto un’accoglienza in grande stile per questo ennesimo appuntamento tricolore, nel rispetto anche della storia dell’impianto che vide la luce nel 1967, proprio mentre alcune delle moto protagoniste della sfida uscivano dalle fabbriche. Sarà dunque l’occasione di rivedere in pista i mezzi che hanno fatto la storia del motocross italiano e mondiale. La manifestazione aprirà i battenti sabato mattina con le iscrizioni; poi, alle 15.00, avranno inizio i turni di prove libere. Domenica 9 Ottobre dalle 9.05 inizieranno le prove cronometrate per tutte le classi, per stabilire l’ordine di partenza. Dalle 10.55 scatteranno le prime finali che termineranno verso le 13.20 mentre le seconde finali partiranno dalle 14.30 per terminare verso le 17.05. Il Campionato Italiano motocross d’epoca é una formula in forte crescita, con una media di partecipanti vicina alle duecento unità, la maggior parte dei quali in possesso di due moto da utilizzare in gara. Tra i Toscani in gara, ce n’è uno di tutto rispetto, visto che è il papà di un campione del mondo: parliamo di Franck Phillipaerts, belga di nascita, versiliese di adozione, che è attualmente quarto nella categoria D3 (moto oltre 125 dall’86 all’89). Il figlio è David, iridato della MX1 nel 2008. Mentre Caselli Stefano, senese di Castiglione D’orcia, rappresenterà il nostro moto club in sella ad un Honda cr 250 del 1987. Nella manifestazione sono inserite anche il Trofeo a squadre per Regione, e la Coppa Italia gr. 4. Quest’ultima, è una categoria non competitiva che premia la regolarità di guida. Hanno infatti come obiettivo la percorrenza di sei giri di pista cercando di replicare lo stesso tempo. Le moto più vecchie che si esibiranno sui saliscendi del Miravalle sono una Aim 50 cc del 1962 e una Moto Guzzi Storbello, elaborata Colombari, 175 cc del 1964. Decisamente più attempati i piloti meno giovani: desta ammirazione l’ inossidabile Franco Malanchini di Bergamo (Maico 360 del 1968) che all’anagrafe denuncia un età di 76 anni, oltrepassato quindi il massimo degli anni consentito per possedere una licenza da pilota in Italia. Ma, grazie agli accordi dell’unione europea, che permette la partecipazione libera ai vari campionati in tutti gli stati membri, l’inarrestabile Malanchini, ha ottenuto una licenza speciale all’estero (correrà con licenza slovena) che gli permette così di continuare a gareggiare dimostrando che un numero sulla carta di identità non è un limite! A seguire, a breve distanza, con 74 primavere, il lecchese Mario Viganò (Suzuki 400 del 1973) e il Lombardo Balzarotti Giovanni (Maico 250 del 1977). Non per ultimo, essendo questa, l’ultima prova della stagione, verranno assegnati ufficialmente i titoli nelle varie categorie, con la premiazione ufficiale F.M.I. per i Campioni Italiani a chiusura di una stagione veramente ricca di emozioni.

Condividi su Google Plus
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento